www.corrieresalentino.it

Acque sulfuree - Terme di Santa Cesarea

SANTA CESAREA TERME (Lecce) – Acque termali ricche di zolfo di un sito unico in tutta la Puglia. Sono quelle presenti
nel territorio di Santa Cesarea Terme e che consentono alla società Terme spa di essere uno dei luoghi di punta della città e dell’intero territorio salentino.
Da qualche giorno – si legge nel comunicato – l’ente termale ha riaperto gli stabilimenti e i servizi al pubblico, e offre attività legate alla riabilitazione e alla terapia, in attesa della riapertura anche del reparto benessere.
Quale migliore sede, quella delle Terme, come autorevole attrattore di coloro che scelgono di coniugare salute e turismo? Fin dall’avvio del progetto In-MedTour (in chiusura il 30 giugno prossimo), la società termale è stata inserita a pieno titolo dal Comune di Santa Cesarea all’interno di questo piano attuato nell’ambito del programma Interreg Grecia-Italia V A 2014-2020, che promuove una nuova forma di turismo chiamata “turismo della salute“. E mette insieme il settore medico e quello legato ai viaggi e al piacere di immergersi nelle identità dei luoghi. La rete di cooperazione tra soggetti del settore di Italia e Grecia, infatti, si mette a servizio di una nuova crescente forma di turismo e consentirà di offrire servizi ai turisti/pazienti, associando ai viaggi per motivi di salute la possibilità di godere delle bellezze del territorio che si visita, con un pacchetto turistico ad hoc che tiene conto delle esigenze del paziente e dell’accompagnatore.
Il Comune di Santa Cesarea Terme è partner nel progetto che coinvolge sul lato Italia anche la Camera di Commercio di Brindisi, mentre sul lato greco vede la partecipazione dell’Organizzazione Nazionale per la prestazione dei servizi sanitari – EOPYY – (Direzione Regionale di Ioannina) capofila di Progetto in collaborazione con due partner greci , il Ministero del Turismo e L’Università di Patrasso Dipartimento di Business Administration.
«Da pochi giorni abbiamo riaperto le nostre attività e le prenotazioni sono già tantissime. Operiamo nel rispetto di tutte le misure di sicurezza per la salvaguardia dei clienti e dei nostri dipendenti nonché dei protocolli del Governo, della Regione e di FederTerme – spiega il Presidente di Terme Spa di Santa Cesarea, Rocco Bleve – Tutto il personale addetto ai reparti-cura ha effettuato la vaccinazione anticovid, inoltre i nostri dipendenti sono provvisti dei dispositivi di sicurezza necessari. L’accesso ai reparti è contingentato e si accede previa prenotazione. I reparti hanno tempistiche differenti per consentire un deflusso ordinato e senza assembramenti e per ogni postazione vi è un’adeguata distanza di sicurezza tra ogni utente. Le postazioni vengono igienizzate dopo ogni utilizzo e tutti i nostri prodotti per la pulizia sono certificati per la sanificazione e la disinfezione».
«Le Terme rappresentano il fiore all’occhiello di Santa Cesarea e di tutto il Salento, sono e saranno il volano di crescita di tutto il territorio. Santa Cesarea conferma, con le sue risorse economiche e naturali, di essere il luogo del benessere, della salute, del wellness e della buona cucina», dichiara il Sindaco di Santa Cesarea, Pasquale Bleve.
La struttura di Santa Cesarea è convenzionata con il Servizio sanitario nazionale e consente di fruire di un ciclo di terapie termali
e di una serie di servizi di benessere e di valore sanitario. Un motivo in più per lavorare con tutte le accortezze sul fronte del comportamento da tenere nelle sale d’aspetto, negli uffici, nelle cabine, negli spogliatoi e, quando sarà possibile, anche nei lidi, tra lettini e ombrelloni e nella piscina sulfurea alimentata dalle acque termali.

Servizi disponibili

Al momento, i servizi disponibili presso le Terme sono: Aerosol, Aerosol Sonico, Docce Nasali, Irrigazioni Nasali, Cure della Sordità Rinogena, Fangobalneoterapia in vasche singole e successiva reazione termale, Idromassaggio e successiva reazione termale, Massoterapia, Cure Ginecologiche, Visite Specialistiche
(prenotazioni al tel. 0836 944314 oppure www.termesantacesarea.it).
Le acque di Santa Cesarea Terme appartengono al gruppo delle salso-bromo-iodiche-solfuree-fluorurate e rappresentano un patrimonio naturale tra i più importanti nell’idrologia medica perché estremamente attive da punto di vista terapeutico.
Centro di cura e soggiorno frequentato sin dagli inizi del secolo, Santa Cesarea Terme oggi è entrata di diritto nel novero delle stazioni termali e turistiche del Sud più attrezzate e competitive.
La società termale, in questi ultimi anni si è indirizzata verso scelte di qualificazione nel campo scientifico e strutturale: conta già da qualche anno sulla collaborazione con alcune università ed istituti di
ricerca che hanno orientato le scelte innovative della stazione termale.

Ricettività turistica e balneare

C’è posto per tutti nelle ampie strutture della località termale. Cittadini curisti (che si sottopongono a cure termali), turisti, viaggiatori, ricercatori di benessere possono usufruire per sé stessi e per parenti ed amici delle ampie sale dell’Albergo Palazzo gestito dalle Terme oppure prenotare pernottamento e sosta nelle tantissime strutture alberghiere di Santa Cesarea, comprese quelle convenzionate con le Terme e che per questo usufruiscono di particolari condizioni di promozione dei pacchetti benessere.
I clienti delle Terme e non solo, possono usufruire anche della piscina sulfurea e del vicino lido “Caicco”, uno storico stabilimento balneare che si affaccia direttamente sulle acque cristalline della costa adriatica, una piscina naturale terrazzata nella scogliera, tra faraglioni e grotte sulfuree raggiungibili a nuoto. Situato all’interno del parco termale, il Caicco offre occasioni di relax sia di giorno che di sera. Lettini ed ombrelloni disposti su vari livelli, agevole discesa in acqua anche per i bambini, un servizio bar semplice ma sfizioso ed uno staff attento e cordiale, fanno del Caicco uno splendido salotto sul mare dove prendere il sole o sorseggiare un drink in totale relax. Un ambiente unico dove festeggiare occasioni importanti come compleanni, anniversari, lauree e qualsiasi altro tipo di evento, e trascorrere piacevoli serate in compagnia.
Infine, nei pressi degli stabilimenti sono presenti quattro grotte marine carsiche che si sviluppano sulla costa di Santa Cesarea e che, procedendo da Nord verso Sud, prendono il nome di Fetida, Sulfurea, Gattulla e Solfatara. In esse emergono sorgenti di acque minerali che, per la loro caratteristica composizione chimico-fisica, risultano essere dotate di spiccate proprietà curative e salutari. Lo zolfo è l’elemento che caratterizza tali sorgenti differenziandole da tante altre piccole polle che emergono in altre grotte ed anfratti
della costa sud-orientale del Salento. La memoria dell’esistenza delle sorgenti di acque solfuree termali a Santa Cesarea si perde nella preistoria e nella storia di questo territorio. Il Salento è un’isola culturale dove fioriscono e persistono fenomeni arcaici, fiabe e leggende.