+39 0836 944314

/ Consigli Utili

Consigli Utili



Per accedere alle cure termali in convenzione o a pagamento è necessario aver effettuato la prenotazione.

 •• L’attestato di effettuazione delle cure per coloro che hanno necessità, può essere richiesto presso gli uffici durante la fase di accettazione e ritirato a fine cura.

•• Gli invalidi di guerra, del lavoro, di servizio, ciechi, sordomuti, invalidi civili al 100% e invalidi civili con una percentuale superiore ai due terzi, hanno diritto ad usufruire, nel corso dell’anno, di un ulteriore ciclo di cure specifico correlato alla patologia invalidante, previa presentazione di doppia ricetta.

•• Per usufruire della esenzione ticket è obbligatorio che la ricetta riporti il corretto codice di esenzione,
indicato direttamente dal proprio medico.

•• Le cure a pagamento prenotate e NON disdette almeno 24 ore prima dell’appuntamento sono considerate come effettuate.

•• Le cure pagate e NON usufruite non potranno essere rimborsate in alcun caso.

•• Le cure a pagamento devono essere usufruite entro il 31 dicembre dell’anno in corso.

•• Solo i curandi possono accedere ai reparti di cura.

•• Durante le cure, per ogni spostamento, si consiglia osservare scrupolosamente le indicazioni del personale.

•• All’interno dello Stabilimento tutte le cure saranno quotidianamente autorizzate dalla tessera magnetica personale che sarà consegnata dopo la visita medica di accettazione e completamento cassa. Tale tessera è strettamente personale ed ogni abuso è punito secondo la legge 537/93 e successive modifiche. Il reato di sostituzione di persona e dichiarazione mendace è punito dal codice penale.

•• Per raggiungere livelli terapeutici efficaci e duraturi nel tempo si consiglia continuità nell’effettuazione delle cure termali e una durata non inferiore ai 12-15 giorni;

•• Si consiglia di ripetere il ciclo di cure termali 2 volte all’anno, preferibilmente distanziati di 5-6 mesi.
•• Le cure termali possono essere erogate su pazienti a partire dai 2 anni d’età.•• Le cure termali non si svolgono in presenza di patologie in fase acuta.

•• Durante il ciclo mestruale devono essere sospesi i fanghi, i bagni, gli idromassaggi, le irrigazioni vaginali.

•• Per le donne in gravidanza è controindicata la fango e balneoterapia.

•• Per i trattamenti di fango balneoterapia, balneoterapia, idromassaggi, si consiglia l’effettuazione a digiuno o comunque ad almeno due ore di distanza dai pasti.

•• Durante la prima settimana di cura si può verificare una reazione di tutto l’organismo con l’accentuazione dei sintomi di cui si è sofferenti ( reazione termale) . In tal caso rivolgersi al personale medico delle Terme.

×
Show
×
Show